“Urla e cadaveri intorno a me”, parlano per la prima volta i due siciliani vivi per miracolo dopo l’attentato al mercatino di Berlino.

“Avere oggi mio marito ancora vicino a me, vivo, è stato il più bel regalo di anniversario delle nozze che potessi avere. Lunedì sera ci trovavamo proprio al mercatino di Natale a Berlino per mangiare il cibo tipico tedesco.

All’improvviso abbiamo visto questo tir che è arrivato a grande velocità, io ero girata sul gradino e mi sono salvata, mentre mio marito Giuseppe è stato travolto ed è caduto a terra. Quando mi sono girata aveva il viso completamente pieno di sangue. Attorno a noi c’erano tanti cadaveri. E molti feriti che piangevano e gridavano. E’ stato terribile”. Elisabetta Ragno ha ancora la voce che trema. La donna, 35enne di Milazzo, si trovava a Berlino con il marito Giuseppe La Grassa la notte dell’attentato per festeggiare il primo anniversario di nozze.

Leave a Reply

*